Il nuovo modo di leggere libri

E-Ink e Freescale, un’alleanza per il colore

E-Ink, in fatto di tecnologie display, è sempre alla ricerca di nuove soluzioni da installare sugli ebook Reader.
In questi giorni ha iniziato una collaborazione ‘colorata’ con Freescale, contando di cooperare per creare “una delle prime produzioni di eReader totalmente a colori”.

Un’alleanza vantaggiosa

Il processore  di Freescale

Il processore i.MX35 di Freescale

Freescale è un’azienda statunitense, creata da Motorola nel 2004, che si occupa di disegnare, sviluppare, produrre e vendere processori integrati, anche nei computer o dispositivi periferici come, appunto, gli ebook Reader.

La partnership tra le due aziende punta a creare un nuovo modello di ePaper a colori, migliore dei precedenti creati, che potrebbe dare un netto vantaggio agli eReader rispetto a tablet quali l’iPad, che per ora hanno il vantaggio di offrire anche la vista con una ricca graduazione di colori, ma affaticano gli occhi su lunghi tempi di lettura, a causa del loro schermo LCD.
Per i lettori di ebook, ma specialmente di riviste a colori, se questo ‘vantaggio’ cadrà, la scelta non potrà che ritornare direttamente sugli eReader.

Il processore su cui saranno basati i nuovi schermi sarà l’ i.MX508, basato su un  ARM Cortex A8, già in uso per i display e-Ink Pearl ed e-Ink Triton, di cui abbiamo già parlato come prima tecnologia di schermo a colori.
Freescale afferma che questo processore aiuterà il sistema del dispositivo a migliorare l’efficienza energetica e il risparmio dei consumi, aumentando quindi la durata della batteria. Inoltre, dovrebbe rendere il prodotto più economico.

Il processore sarà in grado di supportare gli eReader di prossima generazione, che ci si aspetta siano di dimensioni maggiori, consentendo di girare pagina più velocemente e garantendo una risoluzione visiva maggiore rispetto ai modelli attuali. Questo processore infatti supporta risoluzioni fino a 2048×1536 pixel, a 106 hertz.

Freescale già dota con il nuovo processori molti ebook Reader

Freescale già dota con il nuovo processoriemolti ebook Reader

Oltre a tutto questo, consentirà ai produttori di utilizzare una singola piattaforma per ogni tipo di ebook Reader, da quelli in bianco a nero a quelli con schermi a colori di e-Ink. E’ probabile che permetterà al mercato una più veloce diffusione del software tra i dispositivi, pemettendo una prima forma di standard da seguire.

Sri Puruvembra, direttore dell’ufficio marketing di e-Ink, ha dichiarato che “Freescale e  e-Ink continuano ad alzare il livello delle performance negli eReader. Il processore  i.MX508 sta guidando i dispositivi con schermo e-Ink Pearl e Triton verso la richiesta del mercato di avere i migliori schermi a elettroforesi monocromatici e a colori.”

Il processore i.MX35 è utilizzato, tramite Freescale, anche dagli ebook Reader di Kobo, che offre, almeno al mercato inglese, più di due milioni di titoli tra ebook, giornali e riviste. La collaborazione con le principali case editrici sarà la chiave del successo per la diffusione della nuova tecnologia.

Quale soluzione per il Kindle?

Ad Amazon invece viene chiesto da più parti quando saranno implementati gli schermi a colori di nuova generazione sul dispositivo più venduto dall’azienda, il Kindle, che gli permetterebbe di visualizzare milioni di colori, rafforzando la concorrenza nei confronti dell’iPad.

Il nuovo processore renderà gli ePaper a colori convenienti, mantenendoli sottili e maneggevoli

Il nuovo processore renderà gli ePaper a colori convenienti, mantenendoli sottili e maneggevoli

La risposta, però, è quasi sempre “non ancora”. Secondo la compagnia, questa tecnologia non è ancora pronta per essere implementata nei suoi eReader, e ha bisogno di ulteriori sviluppi.
Amazon ha dichiarato inoltre che non farà una versione a colori del Kindle con schermi LCD. Infatti i punti forti di questo dispositivo vanno nella direzione opposta:  gli LCD brillano alla luce del sole e la riflettono sugli occhi, stancandoli. Non è stata inoltre installata la capacità touchscreen in quanto avrebbe richiesto un ulteriore strato nel display che avrebbe ricreato il problema dei bagliori.

Queste funzionalità tendono anche ad utilizzare più energia, e se installate toglierebbero al Kindle la proverbiale longevità di batteria, fino ad un mese di funzionamento con una sola carica. Amazon resta scettica su qualsiasi aggiunta al dispositivo che possa creare problemi allo scopo per cui il Kindle è stato creato: donare una lettura piacevole, il più possibile simile alle pagine di un libro.

Premiato il Pearl

Non per niente e-Ink, che fornisce gli schermi ad Amazon, ha vinto il Best Commercialization Award, grazie agli schermi Pearl, alla quarta edizione dei premi IDTechEx per l’elettronica. Il premio riconosce l’innovazione, lo sviluppo e la commercializzazione del prodotto, che può essere utilizzato in molte tecnologie. Gli schermi Pearl di e-Ink sono stati inoltre premiati dagli editori di Popular Science come vincitori nell’annuale Best of What’s New awards (premio per le migliori novità dell’anno).

Pearl offre lo sfondo più bianco di tutti gli ePaper in commercio, con un contrasto migliore del 50% rispetto ai prodotti precedenti, e consuma pochissimo perché mantiene le immagini senza utilizzo di energia aggiuntiva, ed è compatibile con le tecnologie touchscreen. E-Ink è installata su tutti gli eReader di più grande consumo, quali appunto il Kindle, i Sony Reader e il Nook di Barnes&Noble.
Inoltre, offre un’alternativa sostenibile e socialmente responsabile al consumo di carta esaustivo della nostra società.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto