Il nuovo modo di leggere libri

Amazon conquista fette di mercato a Netflix e Hulu. Apple la prossima?

Amazon Vs NetflixOggi non conta più solo il prodotto, la qualità dei materiali, la bontà dell’OS, ma anche, e forse sopratutto, i servizi che vi sono associati. L’utente è così immerso in un’esperienza totale, sullo sfondo di un unico brand. E nel mercato tablet c’è un ecosistema che cresce più degli altri, tanto da mettere in discussione il solido monopolio Apple (ancora in testa grazie al suo iPad, primo nel segmento delle tavolette quanto a volume di vendite). Stiamo parlando di Amazon.

Dopo il successo della serie Kindle, rinnovato con l’affermarsi del tablet Kindle Fire, reso assai appetibile da un listino prezzi che segna 199$, Amazon ha già compiuto la mossa successiva. Sì, perché in data 14 marzo è stato siglato l’accordo con Discovery Communications che arricchisce il catalogo Prime Instant Video della bellezza di venticinque anni di produzioni realizzate dal canale di documentari. Una vera manovra offensiva rivolta a conquistare nuove fette di mercato.

[adsense_id=”1″]

Con poco meno di 80$ all’anno si ha così accesso a un database di oltre 17.000 video visualizzabili in uno streaming ad alta definizione (il servizio è disponibile suolo sul territorio statunitense). Offerta coerente con una fruizione multi-piattaforma, che per gli acquirenti di Kindle Fire sarà gratuita durante il primo mese. A portata di touch ore e ore di intrattenimento, informazione e cultura. Coniugando praticità e qualità. Ma non è la sola proposta sulla piazza.

Il Prime Instant di Amazon deve fare i conti, infatti, con chi in quel settore è arrivato per primo e ancora tiene ben salda una larga quota di mercato. Stiamo parlando di Netflix e Hulu Plus, i cui servizi sono equiparabili se non più ampi di quelli Amazon (con un costo di circa 8$ al mese). Ma non basta. A tenere banco c’è poi il fortino dello Store Apple e il recente ingresso di Google Play, non proprio una fragile startup. In tanti a spartirsi una torta che suscita gli appetiti di un’agguerrita competizione.

Un panorama al momento ascritto al territorio statunitense ma che potrebbe presto sbarcare anche nel Vecchio Continente. È Netflix a dare avvio alle danze. I vertici aziendali hanno annunciato un ambizioso piano di ampliamento che toccherà anche l’Europa. Da fine 2011 Netflix è già presente in America Latina. Ma Amazon non intende restare a guardare, sapendo di poter puntare su un’arma in più, i suoi dispositivi.

Non solo quindi un’articolata gamma di servizi accessibili sulla rete, dal cloud hosting alla musica, passando per libri, video e applicazioni. Ma anche una schiera di dispositivi destinati alla fruizione, punta di lancia dell’offensiva Amazon. L’obiettivo è semplice quanto ambizioso, costruire intorno all’utente una rete di servizi e contenuti in grado di soddisfare a pieno le sue esigenze. Sulla scia del modello inaugurato da Apple. E, a differenza di Cupertino, Amazon può contare sulla leadership nel settore e-book. Il tablet Fire eclissa i sistemi Android. Fa meglio solo iPad, primo con 3,9 milioni di unità vendute per una quota di mercato pari al 14,3% (dati IHS iSuppli).

Il quadro è complesso, prestandosi a diverse letture. Da una parte c’è l’esperienza Netflix, la fidelizzazione dei tanti utenti Apple, mentre dall’altra l’ascesa di Amazon in grado di attrarre clienti attraverso differenti canali. Sullo sfondo dell’insorgere di Play Google. Al momento è Amazon a tenere banco ma difficile ipotizzare quale sarà lo scenario nel medio periodo.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto