Il nuovo modo di leggere libri

Apple iPad 2 – seconda parte

Nella prima parte abbiamo recensito alcune delle caratteristiche più importanti, quali il design, lo schermo e la velocità. Ora vediamone altre, più esterne.

Foto e videocamera

Alcune foto fatte con l'iPad 2 tramite la camera del retro

Alcune foto fatte con l'iPad 2 tramite la camera del retro

Apple ha installato nell’iPad 2 un programma chiamato FaceTime, che consente di interagire con le due foto/videocamere del dispositivo, una sul retro e una sul fronte. La camera sul fronte è  essenzialmente la stessa che si possono trovare nell’iPhone 4 e nell’iPod Touch, offrendo una risoluzione VGA a 640×480 pixel. La visualizzazione è un poco granulosa con poca luce, ma si possono perfettamente usare per lo scopo principale, ovvero parlare in video.

FaceTime funziona esattamente come nell’iPod Touch. E’ necessario entrare con il proprio nome di identificazione Apple ID e impostare un indirizzo e-mail da usare come ‘numero’ per FaceTime, per permettere ad altre persone di chiamarvi. Nell’iPad è possibile usare FaceTime con una connessione Wi-Fi, e non 3G.

Una volta connessi, lo schermo grande del dispositivo mette in mostra la bassa qualità del video. Se causata dalla medesima qualità della videocamera oppure della connessione, o entrambe le cose, si presta a dibattito. Tuttavia il video è abbastanza buono da poter essere usato.

L’iPad 2 è un po’ pesante da tenere in mano durante una conversazione. Tenerlo verticale in grembo è meglio, mentre con la Smart Cover che offre Apple, attraverso cui può stare in posizione eretta, la videocamera inquadra più il soffitto che il proprio viso. Anche posizionandola come per la visione dei film, bisogna muoversi verso il basso per inquadrare la camera.

La camera sul retro, invece, permette pure di fare riprese. Anch’essa in condizioni di poca luce non ha una buona qualità, tuttavia è capace di fare video in HD, Alta Definizione, con una risoluzione di 720p, e la qualità con luce normale è decente.

GPS o non GPS?

I modelli Wi-Fi dell’iPad 2 differiscono in alcuni aspetti da quelli che supportano il 3G. Uno di questi è che solo dove è presente questa connessione, il dispositivo implementa anche il GPS.

La ragione è che questa tecnologia, nell’iPad, non si connette al satellite direttamente, ma sfrutta il segnale 3G per trovare il ripetitore cellulare più vicino per ottenere le coordinate generali di dove ci si trova. Se si desidera utilizzare l’iPad 2 come navigatore satellitare rapido, necessiterete il modello con 3G.

Attraverso il video

La qualità del video, ripreso con la camera del retro, è sufficientemente buona

La qualità del video, ripreso con la camera del retro, è sufficientemente buona

Uno degli aspetti più piacevoli dell’iPad2 è il supporto migliorato per l’HDTV e i video in alta definizione in generale. Questo grazie alla combinazione di sviluppi nell’hardware, un nuovo adattatore di Apple e aggiornamenti del sistema operativo. Il risultato è ottimo sia per l’intrattenimento che per l’educazione.

Riguardo al primo aspetto, il nuovo Apple Digital AV Adapter permette al dispositivo di trasmettere l’output, per esempio ad un televisore HD, con una risoluzione fino a 1080p, così come il suono Dolby Digital surround, attraverso il cavo standard HDMI. Provando questa caratteristica con diversi video, la qualità è eccellente.

Nel primo modello di iPad questo si è spesso rivelato un problema, ma ora non più. Una caratteristica che piacerà a educatori, chi necessita di fare presentazioni, e anche insegnanti è la possibilità di selezionare, una volta connessi con l’adattatore HDMI, la duplicazione dello schermo.

In questo modo si continuerà a usare l’iPad, ma lo stesso schermo sarà riprodotto sul monitor esterno. Finora solo i computer erano in grado di fare questa operazione.

In questa modalità, l’interfaccia è molto chiara, anche se essendo la visualizzazione in 4:3, ci saranno delle bande nere ai lati dello schermo televisivo. Queste saranno anche più grandi se si porrà l’iPad in modalità ritratto, ma questi difetti si ridimensionano utilizzando una TV ad alta definizione. Su alcune televisioni, comunque, è necessario aggiustare le impostazioni video per mostrare l’immagine intera.

Il Software

L'iPad 2 in verticale sulla sua Smart Cover

L'iPad 2 in verticale sulla sua Smart Cover

L’iPad 2 è arrivato sul mercato con una nuova versione del sistema operativo di Apple, l’iOS 4.3. Non è una novità assoluta, ma presenza alcune caratteristiche nuove interessanti.

La applicazioni terze, ovvero non fornite direttamente da Apple, possono riprodurre video tramite AirPlay, il sistema che consente all’iOS di usarli insieme agli audio per altri dispositivi. Ovvero, le applicazioni possono ora connettersi ai Macintosh o ai PC che hanno installato iTunes. Questo permette di ascoltare musica trasmettendola all’iPad dal proprio computer.

Nell’iOS 4.3, l’interruttore a scorrimento può essere usato in due maniere: come un interruttore per bloccare l’orientamento dello schermo, oppure come un pulsante di arresto per i suoni di allerta. Si può scegliere la funzione attraverso le impostazioni.

Oltre a tutto questo, Apple ha inotrodotto due nuove applicazioni. iMovie, per editare video, è un aggiornamento della precedente versione, che fino ad ora funzionava su iPhone 4 e iPod Touch. Garageband invece è completamente nuova, e funziona in modo egregio. Essa vi permette di diventare musicisti, suonando virtualmente molti tipi di strumenti.

E’ interessante notare il fatto che, con il lancio del primo iPad, erano state installate tre nuove applicazioni per lavoro: Keynote, Numbers e Pages. Questa volta, invece, Apple ha lanciato l’iPad2 con due applicazioni di intrattenimento.

Il messaggio? Il dispositivo è sempre più multimediale e interattivo, grazie alle camere e agli sviluppi nel video e nel suono. Il difetto principale del sistema operativo è la difficoltà nello spostare files da un dispositivo all’altro, per esempio dall’iPhone all’iPad, o viceversa, dovendo sempre passare attraverso un computer.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto