Il nuovo modo di leggere libri

Autopubblicare un ebook. Esperienza di chi è alla prima volta

Utenti

Tracy Marchini è consulente editoriale, ma soprattutto è stata assistente di un agente alla casa editrice Curtis Brown, è una critica letteraria per BookPage e redattrice freelance per Scholastic.

Tracy ha pubblicato il suo primo ebook, ‘PUB SPEAK: A WRITER’S DICTIONARY OF PUBLISHING TERMS’ (Pub Speak, un dizionario di uno scrittore sui termini di pubblicazione), un libro che definisce più di 400 parole, le più usate in tutti i campi di quest’industria, da quelle utilizzate nei contratti e nei diritti d’autore, alle espressioni di abilità della fiction o di altri tipi di letteratura, agli ebook e audio book, social network, venditori e distributori, alle organizzazioni di industrie, autori e premi, e parole generali riguardanti la publicazione.

Pub Speak  è progettato sia per autori aspiranti che affermati, e può essere letto per una comprensione più profonda di quest’industria, oppure può essere utilizzato come un tradizionale dizionario.Tracy racconta che, in ogni caso, ha imparato alcune lezioni importanti dalla pubblicazione del suo primo ebook – qui la guida su come pubblicare su Amazon – particolarmente cinque.

1- Non si può fare la copertina da se stessi.

Essere autori indie su Amazon non è difficile. Il difficile è promuovere il proprio libro

Essere autori indie su Amazon non è difficile. Il difficile è promuovere il proprio libro

A meno che siate disegnatori grafici. “C’è stato un breve momento in cui ho pensato, ‘sono un’artita, forse posso farla da me’. Fortunatamente”, spiega Tracy, “questi attimi insani sono finiti presto, oltre al fatto che io stessa ho consigliato, precedentemente, di rivolgersi ad un grafico professionista.

Ho parlato con un grafico letterario e ho richiesto i servizi di un autore di Smashword, una lista di formattatori e grafici gratuiti per ebook”. La soluzione è stata contattare chi ha già fatto dei lavori che piacciono, e considerare disponibilità e prezzi.

2- I libri gratis non obbediscono alle leggi della fisica.

Dal momento in cui ho finito di scrivere il libro, ho cominciato a inviarlo per e-mail a critici e blog per recensioni e pubblicità. Gli editori tradizionali generalmente mandano i libri circa sei o otto mesi prima per delle critiche.

Ma dal momento in cui non lavoravo con i tempi rapidi di una rivista o non stavo competendo con Random House per avere attenzione, speravo di ottenere una recensione o due in tempo per la data di pubblicazione. Anche se non ero sorpresa di notare quanto fosse impossibile, lo ero nello scoprire quanto già sommersi siano da queste richieste i blogger di libri indie – auto-pubblicati – e normali.

Pensandoci a posteriori, ha perfettamente senso. Con le auto-pubblicazioni, l’editoria digitale e i vari POD diventano sempre più accessibili, e vi sono migliaia di autori indie che cercano recensioni per i loro lavori.

Dal momento che Pub Speak è disponibile solo in formato digitale ed è un libro di consultazione, ha ridotto ancora di più il numero di recensori disponibili a fare una critica. Ho tuttavia l’impressione che provare a far fare la recensione di un romanzo possa essere ugualmente difficile, in quanto la maggior parte degli autori indie si accodano alla stessa lista di recensori.

Anche se il libro piace, non è detto che un critico, professionista o meno, abbia il tempo di recensirlo“.

3- Auto-pubblicare significa affrontare un lungo percorso

Smashwords è un sito americani per autori indie

Smashwords è un sito americani per autori indie

Nell’editoria tradizionale, ci sono tonnellate di pubblicità e di marketing precedenti la pubblicazione, apposta per lanciare un libro il più velocemente e nel miglior modo possibile.

Se i compratori richiedono grandi quantità di una pubblicazione anche prima dell’uscita, è possibile che il volume vada in cima alla classifica dei venduti ancor prima di raggiungere gli scaffali, e successivamente vi starà in quanto sarà all’attenzione della gente.

Il libro dunque diventa popolare in quanto l’editore lo fa tale. La maggior parte dei libri, tuttavia, sarà fuori dagli scaffali entro tre mesi, il che significa che un autore ha poco tempo per mantenere il proprio libro nelle librerie.

Con le auto-pubblicazioni, il modello di business ha la tendenza ad essere più lento, con una crescita graduale costruita sopra il numero di libri che hanno avuto successo. Gli autori che vogliono intraprendere questo percorso quindi devono essere preparati ad affrontare un lungo cammino, in cui i primi ordini sono di un gruppetto di persone tra amici, famigliari e seguaci, ma il vero successo arriva dopo un certo periodo di tempo.

Anche se la maggior parte dei libri auto-pubblicati non arriverà mai sugli scaffali, auto pubblicando Pub Speak posso renderlo disponibile per quanto tempo desidero, dandogli dunque tempo di crescere.

4- Come la maggioranza delle cose riguardanti l’editoria, all’inizio farete un sacco di lavoro gratuitamente.

Gli ebook di autori Indie pubblicati su Smashwords. In due anni sono passati da poco più di un centinaio a ventimila

Gli ebook di autori Indie pubblicati su Smashwords. In due anni sono passati da poco più di un centinaio a ventimila

In questo campo, il lavoro gratuito non è uno stage o scrivere qualche racconto che non vende, ma è il lavoro di promozione e marketing che non dà un ritorno immediato. Infatti, finora ho probabilmente speso tutti i miei profitti dal libro comprando versioni dello stesso di Kindle e Nook per i recensori.

Il mio budget di marketing è più un’idea astratta per ora che una figura concreta, ma la verità è che vi costerà dei soldi e anche moltissimo tempo farlo. Sono sempre sorpresa di quanto tempo sia necessario per trovare blogger di libri e critici, comunicare con loro a riguardo del libro, mandare copie, organizzare un proprio blog e lavorare al prossimo libro”.

5- Solo perché potete, non significa che dovreste

“Anche se questo titolo si può identificare alla stessa idea di auto-pubblicazione – non è detto che sia la migliore opzione – sto parlando di verificare le proprie vendite su Amazon, B&N e Smashwords. Diventa difficile svegliarsi e non aprire immediatamente i siti importanti per verificare le vendite, e poi farlo ancora ogni 15 secondi.

Solo perché potete scoprire quante persone hanno comprato il libro questa settimana, questo giorno, questa ora, non significa che dovreste. Ricordatevi dunque di darvi delle pause. Voi e i vostri amici sarete più felici se lo farete!”

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Un commento

  1. Ciao a tutti! Post interessantissimo!!!
    Personalmente sono autopubblicato su amazon da cinque mesi, e devo dire che mi sono trovato molto bene finora. Il mio primo libro “Storie di soglia” ha venduto ormai più di 2100 copie, e la nuova serie “Sesso, erba e disastri vari”, online da un mese e mezzo circa, ha da poco raggiunto le cinquecento copie!
    Per la mia esperienza, Amazon può essere un valido vettore con cui promuoversi efficacemente, farsi leggere ogni mese, e garantirsi un assegno mensile!
    Secondo me, le cose più importanti per un autore su amazon sono:
    1) Professionalità del’ebook(copertina, sinossi, titolo e sottotitolo strutturati nel modo giusto per il Seo)
    2) Avere tante recensioni professionali. Personalmente ho contatti con blogger, recensori, e altri autori , e metto a disposizione le mie conoscenze.
    3) Scalare le classifiche di ricerca per il proprio genere e le proprie parole chiave.
    4) Presenza sui social network. Personalmente consiglio una pagina facebook con almeno 2000 mi piace, una pagina linkedin ben strutturata e un profilo su google+(importantissimo per salire nelle ricerche di google), e di twitter.
    5)Avere un blog molto seguito e che sia un’autorità nel proprio settore.
    6) Saper gestire le promozioni di amazon, come ad esempio i giorni di download gratuito.
    7) Avere confidenza con le wishlist di amazon, linkare il proprio libro con altri, ed avere confidenza con l’algoritmo di amazon.
    8) Saper usare strumenti utili per ogni scrittore esordiente, come Goodreads, Addmefast, ed altri.
    Se avete bisogno di aiuto per una di queste cose, contattatemi a fede.cal@hotmail.it . Ho già aiutato vari scrttori a piazzarsi nelle prime posizioni su amazon, a prezzi molto concorrenziali!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto