Il nuovo modo di leggere libri

Confronto tra display LCD e tecnologia e-ink

e-ink,lcd,confrontoSiamo sempre in viaggio, tra lavoro, impegni e svago diventa difficile trovare il tempo, e soprattutto il modo, di godersi una bella lettura. Qui si gioca la sfida imposta dagli ebook reader e insieme a loro quella dei tablet. Dispositivi diversi, concepiti in vista di obiettivi differenti ma che possono trovarsi a svolgere medesime funzioni. Analizziamo allora un componente fondamentale nella lettura di libri digitali, il display. LCD ed E-ink a confronto.

Affaticamento della vista. Hai mai provato a leggere un libro sul monitor del tuo PC? Il risultato non è esattamente impareggiabile. Non c’è da stupirsi se si considera il processo che determina la visualizzazione. Un meccanismo elementare, almeno in teoria. Dietro al monitor è presente come una lampada, meglio dire una luce, che consente di percepire le immagini. Parliamo infatti di schermi retroilluminati (LCD). Durante letture impegnative, in termini di durata, l’occhio è sottoposto a un notevole sforzo risultandone affaticato. I tablet, sfruttando la tecnologia LCD, non assicurano elevati standard in termini di comfort di lettura. Addirittura, in un uno studio risalente al 2010 pubblicato dalla rivista Journal of Applied Physiology, vengono riportati disturbi prodotti dai display LCD nel ciclo sonno-veglia.

[adsense_id=”1″]

Mentre cambia radicalmente lo scenario con reader e-ink. I moderni ebook reader implementano un sistema di lettura assai simile a quanto accade nei libri a stampa. Ti sarà bastato qualche istante sul diffuso Kindle per renderti conto di quanto il suo schermo sia diverso da quello di un comune iPad. Come nella stampa, su uno sfondo chiaro sono proiettate delle particelle nere annullando l’effetto di retroilluminazione ma con un’elevata qualità nella risoluzione. A totale beneficio della salute dei tuoi occhi. L’energia consumata serve solo per voltare pagina, o meglio per cancellare la precedente e costruire quella successiva.

Condizioni d’utilizzo. I display LCD si prestano facilmente a scopi diversi. Da esperienze multimediali a finalità video-ludiche, rivelandosi pratici strumenti persino in ambito professionale o nella navigazione web. Apple ha fatto scuola. A differenza dei ereader che hanno, di solito, poche funzioni e quasi tutte esclusivamente afferenti alla gestione degli ebook. Zoom, segnalibri, sottolineature, annotazioni e cambio font. Niente a che vedere con quanto offre un iPad. Ma se da una parte le funzioni prolificano, dall’altra cresce notevolmente il consumo di batteria e il peso. Sì perché un reader e-ink ha un’autonomia che può durare delle settimane. A dispetto di un tablet la cui carica raggiunge le 8-10 ore di utilizzo.

Dobbiamo inoltre considerare la luce del sole. Nei sistemi e-ink è un vantaggio, aiuta la lettura, visto che non emettono alcun fascio luminoso, invece negli LCD riflette sul monitor e non né permette l’uso all’aperto. Più snelli i reader e-ink non affaticano neppure le braccia e non sono soggetti a surriscaldamenti improvvisi.

Se in una prima fase del loro sviluppo i display LCD hanno fatto la loro comparsa sugli ebook reader, attualmente si tratta di un formato poco supportato mentre gli investimenti si concentrano su più efficaci forme di inchiostro digitale colorato.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto