Il nuovo modo di leggere libri

Ebook, il primo sorpasso nelle vendite sui libri cartacei

Degli ebook, dopo gli articoli sui grandi quotidiani dei giorni scorsi, ora se ne occupa anche il Financial Times. I dati che arrivano dagli Stati Uniti in questo settore sono sempre più non solo incoraggianti per gli editori, ma dimostrano pure una crescita a due o tre cifre che sta determinando un’ impennata del mercato.

Le vendite di ebook a febbraio, infatti, sono triplicate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, arrivano a 90.3 miliardi di dollari, ha riportato l’Associazione degli Editori Americani, sorpassando le vendite di libri cartacei per 81.2 miliardi.

Sempre più venduti

Le vendite di ebook, in termini di vendite, dal 2002 al 2009. Si nota l'impennata dell'ultimo anno, ancora più accentuata per il 2010 e per il 2011

Le vendite di ebook, in termini di soldi ricavati, dal 2002 al 2009. Si nota l'impennata dell'ultimo anno, ancora più accentuata per il 2010 e per il 2011

I guadagni dunque sono aumentati del 169%, dall’inizio dell’anno, in contrasto con un meno 24.8% riguardante le vendite di libri cartacei, in declino, un mercato arrivato a guadagnare 442 miliardi di dollari nei primi due mesi dell’anno.

I dati raccolti a febbraio hanno mostrato un declino pur maggiore in alcune categorie di prodotti stampati, come i libri a copertina rigida, ovvero i più promossi, cadere di un 43% per arrivare ad una cifra di 46.2 miliardi – meno della metà degli ebook – e i libri in edizione economica scendere del 41.5% per arrivare alla ridotta cifra di 29.3 miliardi di dollari.

Il report dell’Associazione conferma il fatto che i libri digitali sono diventati il formato editoriale più venduto negli Stati Uniti per la prima volta, quando invece solo a gennaio i libri economici erano ancora al primo posto.

Gli ebook hanno sfondato a febbraio con una crescita di più del 200% rispetto allo stesso mese del 2010, mentre nella stessa comparazione i libri cartacei per adulti sono caduti di un 34.4% e le categorie di libri per bambini e ragazzi sono scesi del 16%, a 58.5 miliardi di dollari.

L’Associazione degli editori americani ha attribuito la forte crescita di febbraio ad “un alto livello di forti acquisti dopo le vacanze”, dai lettori che hanno ricevuto in regalo gli ebook Reader per Natale. A fare la sua parte nella crescita anche la grande disponibilità di dispositivi e di ebook nel mercato.

Inoltre, le agenzie commerciali delle case editrici aggiungo il fatto che gli ebook hanno portato interessi nuovi e freschi, e nuove fonti di entrata, anche per titoli non di punta, per libri che non sono in stampa da più di un anno”, ha affermato l’Associazione, che continua: “Molti editori riportano che i lettori di ebook che apprezzano un libro appena immesso nel mercato frequentemente comprano tutti i libri passati dello stesso autore”.

Philip Jones, vicedirettore di Bookseller, ha dichiarato che la crescita di vendita negli Stati Uniti è “una pietra miliare significativa, tra le pietre miliari del digitale che stanno giungendo sempre più veloci”, ma sottolinea che “il mercato degli ebook include anche quelli dei bambini, quindi a conti fatti il mercato cartaceo è ancora più grande di quello digitale”.

Le regioni del mondo in cui si vendono ebook. Quasi tre quarti del mercato è negli USA, mentre l'Inghilterra e il resto d'Europa sono a parimerito di vendite, insieme all'Australia. Il resto dei Paesi del mondo completa la torta

Le regioni del mondo in cui si vendono ebook. Quasi tre quarti del mercato è negli USA, mentre l'Inghilterra e il resto d'Europa sono a parimerito di vendite, insieme all'Australia. Il resto dei Paesi del mondo completa la torta. Clicca sull'immagine per aprirla.

Gli ebook sono cresciuti in modo massiccio, ma ancora non raggiungono i libri stampati e non è previsto quando possano superarli”, ha detto Jones, “le previsioni più azzardate suggeriscono che gli ebook possano raggiungere il 50% del mercato statunitense nel 2014 o 2015 per poi restare stabili.

Nel Regno Unito “siamo un anno indietro, ora, ma stiamo recuperando abbastanza in fretta”, ha aggiunto Jones, facendo l’esempio di una piccola casa editrice inglese, la Quercus, che pubblica la trilogia di Stieg Larsson.

Questa stessa ha infatti annunciato che le vendite di ebook sono cresciute di 16 volte nel 2010, raggiungendo il 3% degli introiti totali. Quercus ha predetto che gli introiti dal digitale potrebbero “realisticamente raggiungere il 10% del totale nel corso di quest’anno”.

I risultati di febbraio riflettono due fatti chiave: la gente ama i libri e gli editori devono servire attivamente a questo bisogno dovunque le persone siano”, ha detto Tom Allen, presidente dell’Associazione degli editori americani. “Il pubblico sta abbracciando l’ampiezza e la varietà delle modalità di lettura a loro disponibili. Molti hanno fatto degli ebook un’aggiunta permanente al loro stile di vita, mantenendo nel contempo l’interesse per i libri in formato cartaceo”, ha concluso.

Già prima che questi risultati venissero alla luce, il dirigente esecutivo di Barnes&Noble, Marc Parrish, si è mosso su una linea più azzardata, predicendo che i venditori di libri tradizionali hanno solo due anni per adattarsi alla nuova industria ebook-centrica.

L’economia dei libri sta cambiando più radicalmente ora, e più velocemente, che quella dei film o della musica, perché stiamo ragionando con tempi in termini di mesi”, ha detto Parrish alla conferenza GigaOm’s Structure Big Data, tenutasi a New York. “I prossimi 24 mesi saranno il periodo in cui il mercato editoriale si sposterà completamente”.

Come evidenza di questo fatto, ha snocciolato i numeri di Codex Forrester e Gartner Research, secondo cui il 30% – sempre parlando del mercato americano – ‘consuma’ sia ebook che libri stampati con la stessa velocità.

Per il 2011, B&N si aspetta di raggiungere quota 18 milioni di ebook Readers venduti, a raffronto con i 900.000 venduti nel 2009. Una velocità tale, secondo l’azienda, per cui il 35% dei lettori arriverà a possedere un eReader.

Secondo questi numeri, e per la velocità rapida di adozione da parte del mercato, Parrish sottolinea che l’industria raggiungerà presto un punto in cui ci saranno più lettori che preferiranno un ebook piuttosto che un libro cartaceo.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto