Il nuovo modo di leggere libri

FIEG: “Serve l’Iva al 4% anche per i giornali online”

Nella Legge di Stabilità passa l’abbattimento dell’Iva sugli eBook. Editori delusi per la mancata estensione degli sgravi fiscali sia per gli editori digitali che per i quotidiani.

fieg

Non passa l’estensione dell’Iva agevolata alle copie digitali dei giornali e ai servizi delle agenzie di stampa, sulla linea di quanto stabilito per gli ebook. Nella legge di Stabilità non c’è traccia dalla misura richiesta a gran voce dagli editori per tentare di porre un freno all’erosione dei ricavi del settore, dando vigore alle vendite online che sono in crescita, ma non ancora in grado di bilanciare la caduta dei prodotti tradizionali.

Disappunto per la mancata estensione ai quotidiani e periodici online e ai servizi delle agenzie di stampa del trattamento fiscale riservato agli eBook” contesta in una nota la Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG) dopo il via libera al Senato della Legge di Stabilità che ha votato per l’abbassamento dell’iva al 4% per gli e-book ma non per l’editoria.

Bene hanno fatto Governo e Parlamento” prosegue la FIEG “ a prevedere nella Legge di Stabilità l’Iva al 4% per gli eBook, sulla base della considerazione che un libro è sempre un libro, sia esso di carta o digitale. Non si capisce perché la stessa misura non sia stata prevista anche per i giornali, che sono tali, come i libri, a prescindere dal supporto. L’abbassamento dell’aliquota fiscale non sarebbe stata, peraltro, un’agevolazione a favore degli editori, ma a favore dei lettori-consumatori e sarebbe andata quindi nella direzione dello sviluppo del settore digitale che gli editori stanno perseguendo con ingenti investimenti. E’ auspicabile pertanto che Governo e Parlamento, in tempi brevi, prevedano anche per le copie digitali dei giornali e per i servizi delle agenzie di stampa l’aliquota Iva del 4%, per superare il discriminatorio trattamento fiscale tra carta e digitale”.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto