Il nuovo modo di leggere libri

Franceschini: il libro come strumento di dialogo

“Accettando di ricevere, con me e il ministro Giannini, i rappresentanti del mondo del libro e della scuola, il Capo dello Stato ha riconosciuto al libro un ruolo essenziale e irrinunciabile come strumento di dialogo, approfondimento e conoscenza e alla lettura una funzione insostituibile per la crescita individuale e collettiva”.

Dario Franceschini

Dario Franceschini

Con queste parole il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, ha aperto il suo intervento al cospetto del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla cerimonia al Quirinale in occasione della Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore che domani, 23 aprile, verrà celebrata con l’iniziativa #ioleggoperché.

Tale iniziativa è stata promossa dall’Associazione Italiana Editori e coinvolge 24 titoli stampati in 10 mila copie e condivise sui Social Nework con l’hashtag #ioleggoperché. Trentamila volontari soprannominati i “Messaggeri” regaleranno un libro a chi incontreranno per strada o in piazza, sui mezzi pubblici, a scuola o nei parchi.IoLeggoPerché

Lo scopo è stimolare chi legge poco o chi non legge.Parliamo di ben più della metà degli italiani. Abbiamo deciso di incuriosirli, con l’aiuto dei lettori. Vogliamo mettere al centro di questa iniziativa i libri, le persone, tutte le istituzioni che hanno a cuore la lettura e, in generale, la cultura” spiegano i promotori dell’Associazione italiana editori .
Il Ministro Franceschini ha ricordato inoltre di “riportare la lettura al centro della vita sociale del nostro Paese perché è tempo di investire nel futuro dei nostri ragazzi, è tempo quindi di investire nella lettura”.
Nel corso del suo intervento ha infine rammentato anche la recente decisione del governo di equiparare l’IVA sugli ebook a quella dei libri cartacei.

Un libro è un libro indipendentemente dal suo formato”.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto