Il nuovo modo di leggere libri

Gli eBook Reader danneggiano i ragazzi?

Tempo fa in un nostro articolo vi avevamo parlato di una iniziativa organizzata in Inghilterra che regalava eBook ai ragazzi incentivandoli alla lettura.
Qualcosa sembra essere cambiato perché recenti sondaggi sempre nel Regno Unito, precisamente il National Literacy Trust, ha messo in luce con il suo rapporto che i ragazzi che leggono tramite un eReader leggono molto male rispetto a coloro che leggono libri di carta e dunque di conseguenza gli eBook fanno del male ai ragazzi.

gli ebook reader danneggiano i ragazziPer il National Literacy Trust i ragazzi che leggono solo tramite eBook Reader ma anche PC e Tablet hanno minore possibilità di diventare dei lettori accaniti rispetto a chi preferisce leggere libri stampati. Nel loro rapporto affermano infatti “Chiediamo un equilibrio più sano di lettura utilizzando entrambi: libri e dispositivi tecnologici”.
Dopo aver esaminato 34.910 giovani di età compresa fra gli 8 e i 16 anni, i ricercatori hanno concluso che i ragazzi che leggono sui dispositivi elettronici hanno meno probabilità di avere un libro preferito (circa il 59% contro il 77%) inoltre a causa del gran numero di editori e rivenditori che creano contenuti online per ragazzi, il 39% di loro utilizza quotidianamente letture su schermo mentre circa il 28% legge invece materiale stampato.

Il direttore delle National Literacy Trust, Jonathan Douglas, afferma che “Mentre accogliamo con favore l’impatto positivo che la tecnologia ha sulla creazione di ulteriori opportunità di lettura per i giovani, è fondamentale che la lettura in stampa non venga messa da parte“.
In verità non sembra che per loro sia positiva questa tecnologia in quanto la relazione va ad affermare che gli eBook sono dannosi per i ragazzi. Ve ne riportiamo alcune righe: “I bambini leggono giornali, fumetti, riviste su computer e dispositivi elettronici e questo è potenzialmente dannoso per il loro livello di lettura, i bambini che leggono tutti i giorni solo su schermo hanno meno probabilità di essere al di sopra dei lettori medi rispetto a quelli che leggono quotidianamente in stampa o con entrambe le piattaforme”.

Personalmente ritengo che ci sono bambini curiosi che amano leggere ma leggere di tutto dalle scatole dei biscotti fino alle insegne sulla porta, dalle riviste che si trovano in sala d’attesa ai libri per ragazzi. Questi bambini sia essi che leggano su gli eBook Reader o sulla carta, hanno comunque migliorato le loro capacità di lettura ed è normale che siano più bravi rispetto ad altri bambini e quindi possiamo definirli “sopra la media”.
Questo però non dimostra che gli eBook Reader danneggino i ragazzi creando livelli di lettura più bassi. Anzi viene trascurato un dettaglio e cioè che il digitale oltre a permettere ai ragazzi un accesso più veloce alla lettura di un libro, leggono anche di più e questo dovrebbe essere un aspetto positivo.

Queste indagini di mercato sottolineano solo negativamente la tecnologia promuovendo la stampa. Ma per anni i genitori hanno incollato i loro figli a programmi spazzatura in Tv o videogiochi ed ora che prendono in mano degli eReader sulla quale si può esclusivamente leggere si punta il dito contro.  Inoltre non affaticano la vista come può fare un pc perché ricordiamo che il testo è ad inchiostro elettronico.  Anche un libro digitale può essere stimolante per i ragazzi, poiché un buon libro indipendentemente che sia su carta o su digitale stimola la loro fantasia.

Con il tempo gli eBook diventeranno anche interattivi con la possibilità per i più piccoli di divertirsi con figure da colorare o cerchiare o essere guidati dalla lettura audio nelle frasi del libro. Un buon modo per imparare.

Voi che ne pensate di questa ricerca, ritenete che gli eBook Reader danneggino davvero le capacità di lettura dei ragazzi?

Diteci la vostra.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto