Il nuovo modo di leggere libri

Leggere in prestito un ebook. Ecco dove trovarlo

Negli Stati Uniti esistono già da circa dieci anni. Qui in Italia stanno venendo alla luce pian piano. Stiamo parlando dei servizi bibliotecari di libri digitali. Non solo libri cartacei, dunque, ma è possibile, e lo sarà sempre di più nel futuro, prendere in prestito ebook dalle biblioteche italiane.

Horizons Unlimited è  una struttura di consulenza e servizio nel settore della comunicazione sui new media, della multimedialità online e del marketing. L’anno scorso la società ha fondato MediaLibraryOnLine, una rete per le biblioteche italiane basato sul prestito digitale. Inoltre, qual’è la funzione, o il ruolo del Digital Rights Management (DRM), ovvero il diritto di duplicazione, nello scambio di libri digitali?

MediaLibraryOnLine

Le biblioteche, moderne o antiche, si stanno gradualmente riversando negli ebook

Le biblioteche, moderne o antiche, si stanno gradualmente riversando negli ebook

Nato nel 2009, è un servizio che permette a tutte le biblioteche italiane di offrire musica, film, quotidiani, e-book, audiolibri, oggetti di e-learning e altri contenuti digitali ai propri utenti direttamente via Internet.
MediaLibraryOnline (MLOL) è un progetto che raggruppa oggi circa 1.000 biblioteche in 4 regioni. Nel 2011 conta di raggiungere 1.500 biblioteche in 6 regioni.

Dall’inizio del 2010 MediaLibraryOnLine include la possibilità di accedere a centinaia di E-Book di editori italiani attraverso la collaborazione diretta con gli editori e con una serie di distributori partner.
I primi cataloghi distribuiti sono stati quelli di Casalini Libri, Guaraldi, Archetipo Libri, Morellini, Liguori, Sossella, Emons. Si tratta di un primo nucleo sperimentale molto significativo che raccoglie un totale di circa 2.500 E-Book da circa 50 editori.

Nel corso del 2011 verrà attivata una collaborazione con tutte le piattaforme di distribuzione di ebook in Italia (e con alcuni operatori stranieri) per rendere disponibile in biblioteca tutti gli ebook reperibili sul mercato italiano e una selezione di contenuti dai mercati esteri.

Inoltre, dichiara il sito, l’anno prossimo verrà migliorata la tecnologia per accedere da smartphone e tablet (iPhone, iPad, dispositivi basati su Android, ecc.) e da ebook Reader  basati su e-Ink.
Attraverso MLOL un utente può per esempio leggere le versioni edicola dei quotidiani o di altri periodici, consultare banche dati ed enciclopedie, ascoltare e scaricare audiolibri (specie se avete un ebook reader che legge i file audio),  consultare manoscritti e testi antichi in formato immagine e, specialmente, leggere libri digitalizzati attraverso
tipologie diverse di e-book Reader.

Negli Stati Uniti gli ebook-reader sono entrati in commercio dopo circa dieci anni di sperimentazione dei libri digitali nelle biblioteche pubbliche e di ricerca. L’uscita del Kindle è infatti l’evoluzione di un processo iniziato molti anni addietro.
L’integrazione in Italia invece è stata quasi nulla e sicuramente influenzerà ancora per anni il successo degli ebook nel mercato.

Il Digital Rights Management

Una schermata di Media Library Online

Una schermata di Media Library Online

MLOL si considera neutrale rispetto a tecnologie, piattaforme e modalità di protezione, ponendo l’attenzione di più sui contenuti. Il problema è sempre lo stesso quando si ha a che fare con il digitale. Come evitare che i libri vadano in giro per la rete abusivamente?

Per i diritti di utilizzo, tuttavia, MLOL dichiara che sarà la relazione tra il content provider e le biblioteche a decidere l’esito dell’utilizzo del Digital Rights Management. Infatti non può essere lo stesso modello che si utilizza per I normali consumatori, le licenze devono essere specifiche. Ma cos’è esattamente il DRM?

Il significato letterale è “gestione dei diritti digitali“. Si intendono i sistemi tecnologici mediante i quali i titolari di diritto d’autore (e dei cosiddetti diritti connessi) possono esercitare ed amministrare tali diritti nell’ambiente digitale, grazie alla possibilità di rendere protette, identificabili e tracciabili le opere di cui sono autori.

I DRM sono anche detti “filigrana digitale”, in quanto le informazioni nascoste che vengono aggiunte ai file hanno lo scopo di regolamentarne l’utilizzo, come la filigrana delle banconote che ne impedisce la falsificazione.
I principali scopi del DRM sono tre: la certificazione di proprietà, per identificare la copia originale; il controllo d’accesso, per verificare la regolarità dell’accesso al contenuto di un file; il controllo delle copie illegali.

Migliaia di ebook sono già disponibili da decine di case editrici e biblioteche

Migliaia di ebook sono già disponibili da decine di case editrici e biblioteche

Secondo l’amministratore delegato di MLOL, Giulio Blasi, il DRM in Italia sarà assente da protezioni forti che possano limitare l’utilizzo dei contenuti digitali. I tre parametri fondamentali in questione sono il DRM, il Social-DRM e il DRM-free (ovvero senza protezioni). E vi è un’altra fondamentale differenza, quella tra download e streaming.

Non stiamo parlando solo di video ma anche di libri, in quanto è ben diverso, secondo le logiche di copyright e di violazione dello stesso, poter scaricare un libro e poterlo leggerlo solo on-line, oppure solo sul proprio ebook Reader. In un ambiente di rete in cui tutti i soggetti sono always-on, la percezione della differenza tenderà ad attenuarsi.

MediaLibraryOnLine è un modello per ora unico, che si avvale della presenza di diverse bibilioteche ed è in espansione, man mano che il sistema bibliotecario si aggiorna con i tempi. Niente di meglio di un servizio del genere per godersi il proprio eReader. L’insieme dei vari siti per cercare ebook su internet, a pagamento o meno, indica chiaramente che pur essendo ancora molto contenuti gli spazi occupati dagli ebooks sugli scaffali digitali, c’è un indotto molto attivo ed innovativo pronto a manifestarsi in qualsiasi momento.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Un commento

  1. sono molto interessato, soprattutto riguardo alle biblioteche.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto