Il nuovo modo di leggere libri

Nuovi eReader sul mercato ma quali sono le differenze con i precedenti modelli?

Nuovi eBook Reader sono già usciti sul mercato, tra questi vi ricordiamo il nuovo Kindle PaperWhite, il Sony PRS T3 e il Kobo Aura.
Per capire le migliorie apportate andiamo a scoprire in cosa si differenziano dai modelli precedenti.

Kindle PaperWhite: nuovo dispositivo?

Il nuovo dispositivo esteticamente è pressochè simile al precedente modello, l’unica differenza la potete riscontrare osservando la scocca posteriore in quanto potrete notare che è cambiata la serigrafia, non più la scritta Kindle bensì Amazon.
Le dimensioni non sono cambiate. Per entrambi i dispositivi parliamo sempre di 169 x 117 x 0,91 mm ma cambia il peso che per quanto riguarda il nuovo modello è di soli 206 grammi contro i 213 grammi del precedente.
Stesso discorso vale per lo schermo, in entrambi gli eReader è di 6 pollici a 221 ppi a 16 gradazioni di grigio.
Detto ciò passiamo a capire le differenze sostanziali. Accendendo il dispositivo si può notare che Amazon ha migliorato il contrasto e la luminosità del display che risulta essere più uniforme e anche i caratteri risultano essere ancora più nitidi e chiari rispetto al precedente PaperWhite.
Il processore del nuovo Kindle PaperWhitewidth=1width=1 è più veloce del 25% stando a quanto riportato da Amazon, è stata migliorata l’esperienza di lettura in quanto gli eBook si aprono più rapidamente rendendo la lettura molto fluida e inoltre è stato migliorato il touchscreen quindi avremo un dispositivo più reattivo con un display che possiede un reticolo più denso pari al 19 %, sempre secondo quanto dichiarato da Amazon.

Più che parlare di un nuovo dispositivo diciamo che è stato semplicemente migliorato, per ora Amazon non ha voluto sorprenderci.

Sony PRS T3 identico al T2?

Anche in questo caso i dispositivi sono esteticamente simili cambiano solo le dimensioni che per quanto riguarda il T3 sono di 109 x 160 x 11,3 mm con un peso pari a 200 grammi mentre le dimensioni del vecchio T2 width=1sono di 11,5 cm x 17,5 cm x 0,95 cm ed un peso pari a 164 grammi.
Il display è un E-Ink Pearl da 6 pollici ma che passa ad una risoluzione di 1024 x 758 pixel rispetto ad 800 x 600 pixel del precedente modello ed integra la tecnologia E-Ink Regal, che diminuisce la frequenza del refresh per una lettura più riposante.
Ancora una volta Sony non ha voluto puntare sull’illuminazione e non ne capiamo ancora il motivo visto che ormai la maggior parte dei lettori preferiscono puntare proprio su questi dispositivi in modo da poter leggere in ogni condizione ambientale.
Per ovviare a questa mancanza Sony ha creato delle cover che si prestano a questo scopo ma che generalmente costano la metà dell’eReader.
Vi lasciamo anche la visione del video a cura di Good eReader per vedere con i vostri occhi le differenze sostanziali.

Entrambi questi dispositivi sono anche molto simili in termini di hardware. La velocità della CPU è da 1 GHz, mentre la RAM è di 512 MB.
Il Sony PRS T3width=1 vi permette di togliere la scocca posteriore per inserire ad esempio la memory card.

Kobo Aura ma senza HD

In verità questo nuovo modello dovremmo confrontarlo non solo con il Kobo Aura HD ma anche con il Kobo Glo, in quanto risulta essere la versione ottimizzata di quest’ultimo dispositivo.

Il Kobo Aura monta un  display da 6 pollici con illuminazione frontale che lo rende simile al Kobo Glo perchè come sappiamo il Kobo Aura HD possiede invece un display da 6,8 pollici con la più alta risoluzione sul mercato, 1440×1080 .

L’illuminazione sull’Aura risulta essere migliore sia del Glo che dell’Aura HD in quanto la luce risulta molto più bianca, brillante ed omogenea. Altra differenza è che l’Aura è più compatto e leggero, offre 2 GB di spazio interno in più e alcune funzione che non troviamo disponibili sull’Aura HD come Beyond The Book che vi permette di avere a disposizione una serie di hyperlink che vi consentono di accedere ad esempio alla biografia di uno scrittore e infine ePocket, che vi permette di inviare articoli ai vostri account.

Personalmente ritengo che spesso si parla erroneamente di nuovi eBook Reader in quanto di nuovo hanno ben poco, vengono migliorate sicuramente le prestazioni e le loro funzioni ma non c’è un qualcosa che li differenzia da altri dispositivi come ad esempio può essere uno schermo a colori oppure delle funzioni specifiche create a misura per gli studenti. Insomma i produttori dovrebbero sforzarsi un po’ di più per creare qualcosa di nuovo e non di già visto ma che soprattutto siano in linea con le esigenze dei lettori.

 

 

 

 

 

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto