Il nuovo modo di leggere libri

Pubblicare su Amazon, II parte. Diritti, Royalties e Visibilità

Utenti

Nel precedente articolo abbiamo visto come iscriversi al servizio di Amazon per la pubblicazione dei propri scritti. Bisogna specificare che Amazon non è l’unico portale che offre questo servizio, specialmente se si è alle prime armi.

Un altro sito, per esempio, che permette di convertire – anche da un file .doc di Word – il proprio libro in un formato ottimale per gli ebook Reader è VoltarePagina.net, un social network dedicato al mondo dell’editoria digitale, luogo d’incontro tra lettori ed autori emergenti che intendano far valutare il proprio libro o pubblicarlo in digitale.

Lo scrittore emergente potrà pubblicare in una sorta di anteprima il proprio libro in formato e-book, e in seguito intraprendere un vero percorso editoriale, con la cura dell’editing e così via. E, infine, sarà possibile pubblicarlo su Amazon.

I passi successivi

Ecco la schermata dei vari menu in cui scegliere le opzioni e le caratteristiche del proprio ebook

Ecco la schermata dei vari menu in cui scegliere le opzioni e le caratteristiche del proprio ebook

Ritornando sul portale americano, una volta che è stato tutto salvato nella pagina, Amazon ci dirà che abbiamo inserito correttamente le informazioni.

Successivamente sarà necessario confermare in quali Nazioni del mondo abbiamo i diritti sulla nostra opera, scegliendo tra tutto il mondo (“Worldwide rights”) o alcuni Paesi specifici (“Individual territories”).

In questa pagina, infine, è necessario spuntare la casella per dichiarare che quanto pubblicato è di nostra proprietà, e che ne abbiamo tutti i diritti. Infine cliccare di nuovo su “Save entries” per salvare le modifiche e passare alla fase successiva, dove faremo il vero e proprio upload del nostro libro.

L'anteprima del nostro libro

L'anteprima del nostro libro

Eccoci dunque al passo decisivo. La nuova finestra permetterà di caricare l’opera sul server di Amazon. Sono accettati moltissimi formati, anche gli stessi file Word oppure PDF. Oltre a questi, potrete inviare lo scritto come file HTML, ma anche direttamente in formato e-book come ePub, Mobipocket (.mobi e .prc) e blocco note (.txt).

Se avete già convertito il vostro file in un ePub, per esempio, prima di inviarlo vi converrà verificare che sia leggibile. Per questo c’è un sito, chiamato ePub Validate, che permette di caricare e ottenere istantaneamente una verifica sulla bontà del proprio ePub, senza spendere un Euro.

L’impaginazione o le dimensioni del testo, o sul tipo di font utilizzato, non sono importanti per il momento. Quando caricate il file, il sistema DTP (Digital Text Platform) converte direttamente il file.

Bene, dopo aver fatto l’upload dell’opera, mancano ancora alcuni dettagli, tra cui il prezzo, ovviamente.

La politica editoriale di Amazon

Fin qui tutto gratis. E tutto gratis anche d’ora in avanti. Ma c’è una piccola nota, ed è sempre quella dolente per gli autori di qualsiasi Paese. Per quanto riguarda le royalties, Amazon riconosce il 35% dei ricavi totali, che è una cifra ben superiore al solito 5% – o meno – che un editore dà all’autore sulle copie vendute. In realtà, potremmo dire garantiva.

L'ultimo passaggio. Dopo aver scelto il prezzo, la modalità di pagamento. Al di fuori degli USA, è possibile solo tramite assegni

L'ultimo passaggio. Dopo aver scelto il prezzo, la modalità di pagamento. Al di fuori degli USA, è possibile solo tramite assegni. Infine, cliccare su Publish

Infatti da dicembre 2010, il rapporto è passato a 70 a 30, ovvero il 70% degli introiti va all’editore, o autore-editore, e il 30% ad Amazon, a patto che si rispetti la piena compatibilità dei contenuti con i modelli Kindle e l’accesso ai contenuti in tutte le aree geografiche dove l’editore detiene i diritti. Il prezzo andrà fissato in dollari, perché il libro riposerà sui server dell’azienda statunitense.

A questo poi andranno aggiunti tasse a vari costi. Ecco quindi come funziona in realtà un prezzo su Amazon. Una volta fissato dall’autore il costo, per esempio 5 dollari, il libro apparirà in realtà a 9 dollari.

Questo perché Amazon ha delle spese che ricarica sul libro; inoltre, il 30% dei ricavi personali rimane negli Stati Uniti sotto forma di tasse (a meno che non si è statunitensi di cittadinanza). Ecco quindi che, per non far pagare gli autori, Amazon recupera questi soldi aumentando il prezzo.

I libri devono costare almeno 0.99 cents di dollaro, e non possono costare più di 200 dollari.

Altra nota dolente. Se l’autore non è degli Stati Uniti, Amazon paga in contanti – tramite assegno. Sembra un paradosso, eppure è così, non utilizza alcun sistema elettronico di trasferimento del denaro. Inviandolo via posta, inoltre, non effettua il pagamento fintanto che si sia raggiunto un minimo di 100 dollari guadagnati.

Per terminare con la pubblicazione, dopo aver selezionato il prezzo su “Enter Suggested Retail Price”, si può cliccare su “Publish”.

L'obiettivo di Amazon è che il vostro libro finisca sui Kindle. Fate il possibile perché ciò accada!

L'obiettivo di Amazon è che il vostro libro finisca sui Kindle. Fate il possibile perché ciò accada!

Rimane solo da accettare i termini di vendita e pubblicazione. Vi verrà indicata, infine, la conferma di ricezione e l’attesa. Sono necessari infatti due o tre giorni prima che Amazon metta on-line e in vendita l’ebook, giusto per verificare che non ci siano contenuti offensivi, illegali o che vadano contro la policy di Amazon.

Sarà possibile modificare il proprio file in qualsiasi momento. Si potrà per esempio riscrivere la sinossi, aggiungere keywords o caricare un’edizione riveduta e corretta. Tuttavia sarà sempre necessario, per ogni modifica, attendere quei due/tre giorni in cui Amazon riveda l’opera e ridia il consenso alla pubblicazione nella nuova versione. Nel frattempo di questa operazione, la versione  precedente rimarrà comunque sul portale.

E’ quindi facile pubblicare, e non costa niente. Il problema è il dopo. Amazon offre una libreria immensa, e solo pubblicando un libro è facile che venga perso tra i centinaia, se non migliaia, di titoli. E’ dunque necessario supportare questa decisione creando una rete di ‘fan’ attorno al libro, e anche rivolgersi a servizi di editoria digitale come VoltarePagina può essere una soluzione. Ovviamente offrendo un ebook di qualità.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

21 Commenti

  1. Quando amazon inizia a mandarmi i soldi che ho guadagnato dalle vendite ?

  2. Spiegazioni chiare ed esaurienti. Una domanda: Ho pubblicato un mio libro su amazon kindle store e essendo una dilettante ho dimenticato di mettere in copertina il mio nome. Voi dite che è possibile modificarlo, ma non capisco i dettagli del procedimento. Potreste spiegarmeli ? Grazie.

  3. Ormai la guida è obsoleta. Manca anche tutta l’attribuzione (che andrebbe fatta) del TIN straniero.

  4. Ciao scusa ho pubblicato un ebook ma non vedo nessun pannello di controllo che mi aggiorni sulle vendite (so che stamattina due miei amici ne hanno comprata una copia a testa). Altra cosa, ho letto di qualcuno che sa di essere passato dalla posizione 25000 alla 14000. Come si fa a vedere questi dati? Io il massimo che posso vedere è la top 100. Grazie.

  5. Ciao. Per quanto personalmente ne sappia, Amazon dovrebbe dedurre alcune tasse (che possono arrivare al 30%) dalle royalties al momento della vendita del libro, se è venduto fuori dagli Stati Uniti, ma non dopo o quando non è scaricato. Cercheremo ulteriori informazioni, ma ti consiglio di inoltrare la domanda alla stessa Amazon, in quanto mi pare inusuale. Una domanda: è il 30% perché costa più di 10 dollari o meno di 3 dollari?

  6. Ciao. Mi sono accorta che nel giorno in cui nessuno scarica il mio e-book amazon scala dei soldi dalle mie royalty già guadagnate. Che per inciso sono solo il 30% del prezzo del libro. Com’è possibile? Sapresti darmi un chiarimento? Grazie.

  7. Certamente, è possibile inviare una revisione. La pubblicazione non sarà però immediata e bisognerà comunque attendere nuovamente l’approvazione

  8. Mi perdoni la domanda forse ingenua.
    Avendo pubblicato un libro su Amazon, si può inviare una revisione, un aggiornamento dello stesso?

    Grazie

  9. Si è possibile. Basta deselezionare gli stati in cui non si vuole pubblicare. Poi aspettare la nuova approvazione da parte di amazon per la quale ci vogliono fino a 48 ore se non erro. Dal momento in cui si riceve la conferma è necessario qualche altro giorno affinché la modifica si propaghi nei sistemi amazon ed il libro venga effettivamente rimosso. La rimozione è sicura perché in caso contrario potresti rivalerti legalmente nei loro confronti.

  10. Buongiorno,

    E’ possibile una volta pubblicato su kindle, modificare gli stati in cui è attivo il copyright?

    Qualcuno ha messo ‘in tutti gli stati’ ed in caso come si fa ad esserne sicuri?

  11. Più precisamernte il prezzo che decidi è quello di vendita, vengono aggiunte solo le tasse in base al paese e il costo del trasferimento via whispernet. In questo senso se il prezzo che stabilisci è di 10$, quello finale potrebbe essere compreso tra 11-12$. Il 70% si calcola certamente sui 10$ di partenza.
    Per le vendite viene fornito un pannello di controllo con i report aggiornati al giorno precedente

  12. Se ho capito bene, per pubblicare un mio saggio, il prezzo lo decido io, ad esempio 10 dollari, viene venduto ad un prezzo più alto, es. 18 dollari, ed a me andrà il 70% di questa cifra, giusto ? Oppure è il 70% dei 10 dollari originari ?

    Seconda domanda, come si fa a controllare le vendite ?

  13. Ho notato che alcuni ebook su amazon hanno per editore la scritta “kindle edition”,altri il proprio nome ed altri ancora editori vari.
    Escludendo questi ultimi,potrei sapere la differenza fra le prime due indicazioni,giacchè trattasi sempre di autori che si sono avvalsi del self publishing di amazon?

  14. Confermo che può pubblicare in tutto il mondo. Per quanto riguarda le tasse tecnicamente no. (amazon non la richiede nemmeno). Quanto a come dichiarare i soldi guadagnati, c’è una diatriba di non facile soluzione, tra chi sostiene che vadano dichiarati come “altri redditi” e chi sostiene che trattasi di attività commerciale (dunque serve p.iva)

  15. Salve…Se ho capito bene,un autore italiano può pubblicare in tutto il mondo con amazon.
    Riguardo alle tassein Italia, si deve aprire una partita IVA?
    Grazie

  16. Amazon non credo pubblichi in cartaceo, per quello occcorre rivolgersi ad una delle tante case editrice che permettono di auto pubblicarsi. Le tasse sono sempre escluse dal contesto.

  17. E per pubblicare anche una versione cartacea? E’ fattibile?
    Si devono pagare tasse anche in Italia o è giò stato fatto a monte?

  18. Ti confermo puoi sospendere in qualsiasi momento la pubblicazione

  19. Salve. C’è una cosa che non ho capito: posso in qualsiasi momento levare il libro da amazon?
    Sono al contrario legato ad amazon per un peirodo o per sempre?
    Grazie.
    Umberto

  20. E’ una tua opera, hai i diritti in tutto il mondo. Quell’opzione serve nel caso hai pubblicato il libro ad esempio in Germania ed hai ceduto i diritti di esclusiva con una casa editrice tedesca. Dunque con amazon non puoi vendere lo stesso libro in Germania.

  21. Necessito di un ciarimento.
    Se io autore italiano ho scritto un libro, ho di default i diritti in tutto il mondo o solo in italia?
    Cosa dovrei spuntare?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto