Il nuovo modo di leggere libri

Pyrus Maxy e Kobo Aura HD, il nuovo trend è il display più grande?

Il mercato dell’eReading può vantare un 2013 ricco di novità poiché diverse aziende hanno rilanciato nuovi device sempre più accattivanti pronti a conquistare i booklovers.
In quest’ultimo mese due aziende hanno lanciato sul mercato i loro eReader. Stiamo parlando di Trekstor, azienda tedesca nota per la produzione di lettori oltre ad una vasta gamma di prodotti hi-tech, che propone il Pyrus Maxy e Kobo, leader mondiale nel settore dell’eReading che sfida le altre aziende con il suo Kobo Aura HD.

Perché il Pyrus Maxi e il Kobo Aura HD dovrebbero conquistare gli utenti?

Il design è semplice e minimale, la vera novità infatti è lo schermo. Il Pyrus è caratterizzato da uno schermo da ben 8 pollici mentre il Kobo si fa spazio con i suoi 6,8 pollici.

Attualmente, quasi tutti gli eBook Reader che sono in commercio dispongono di un display con diagonale da 6 pollici, una dimensione paragonabile a quella di un libro che rendono quindi i device tascabili e maneggevoli.
Perché si è deciso di puntare a display sempre più grandi? L’eBook deve essere pratico e facile da portare in giro come se fosse un libro, per l’appunto. Vi sono diversi eReader, vedi ad esempio il Leggo IBS, che sono così piccoli da riuscire a farli entrare in una tasca dei jeans.
Personalmente ritengo che non sia una caratteristica necessaria anche se poi ognuno sceglie in base alle dimensioni ed al peso che gli è più congeniale, questo perchè nessuno di noi andrà in giro con un eBook in tasca ma si preferisce sempre utilizzare delle apposite custodie e quindi per me avere un device con 3-5 cm in più rispetto ai modelli canonici non mi cambia di molto perché riesco a metterlo ugualmente in borsa o in valigia. Piuttosto ho la possibilità invece di godere di uno schermo più ampio che mi facilita la lettura ma soprattutto migliora la qualità dei PDF.

Differenze tra Pyrus Maxy e Kobo Aura HD

Pyrus Maxy e Kobo Aura HD

Kobo Aura HD e Pyrus Maxy

La differenza tra il Kobo e il Pyrus è abbastanza evidente. Il Pyrus Maxy dispone di un display Digital Ink da 8 pollici (20.3 cm) che consente una lettura senza sfarfallio e antiriflesso. È estremamente leggero, pesa solo 320 grammi e le dimensioni sono 123 mm x 163 mm.
Lo schermo ha una risoluzione pari a 1024 x 768 Pixel.
Il Kobo Aura HD (qui un’anteprima) controbatte con un display da 6,8 pollici (17,3 cm) ma con una risoluzione di 1440 x 1080 pixel (265 PPI) ed integra un display e-ink Pearl illuminato lateralmente.
Il peso è contenuto solo 240 grammi e le dimensioni sono di 175,7 x 128,3 mm.

Nonostante si punti a migliorare la qualità dei dispositivi ancora sono in pochi quelli che puntano a degli schermi a colori.

Ha senso investire su un ebook a colori?

La risposta può variare in base alle esigenze. Forse si:  perché così abbiamo la possibilità di leggere riviste e fumetti  nella loro forma originale oppure la possibilità di leggere grafici o tabelle. Alla fine si tratterebbe di un ebook che imita un tablet col vantaggio che non affatica la vista.
Forse no:  i nuovi tablet sono perfetti per ptere leggere quotidiani, riveste e fumetti vari. Difatti aziende come ad esempio Amazon per questo tipo di contenuti punta al suo Kindle Fire lasciando i libri classici monocromatici ai Kindle o Kindle PaperWhite.

Un display a colori a basso consumo può rivelarsi interessante e sono pertanto favorevole allo sviluppo della tecnologia E-Ink Triton  ma ciò che a me interessa principalmente è la qualità del display e la sua grandezza per non affaticare troppo la vista.
Ora rivolgo a voi una domanda: i produttori degli eReader dovrebbero concentrarsi sul miglioramento della qualità e delle dimensioni dello schermo oppure dovrebbero cominciare ad orientarsi verso lo sviluppo di device a colori che ci permetteranno di abbandanare i classici ebook monocromatici?
Diteci la vostra

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

2 Commenti

  1. Ciao amigafever,
    hai ragione, diciamo che c’è un tempo per tutto. Comunque il colore è indispendabile per migliorare questa tecnologia, così sarà possibile utilizzare gli ebook reader sia per studiare sia per leggere fumetti

  2. sinceramento è innegabile che i device in b/n nei prossimi anni tenderanno a sparire,come è successo con i film,la tv ecc ecc.
    quindi pocketbook ha iniziato la strada con il lux 2,ma appena i prezzi saranno abbordabili e la qualità migliore gli eink o tecnologie simili in b/n spariranno dal mercato o verranno proposte a prezzi relativamente bassi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto