Il nuovo modo di leggere libri

Quante persone hanno un eReader in Italia? Qualche dato per capire chi ci investe.

Come stanno andando le vendite di eReader? Le case editrici stanno investendo nell’editoria digitale?
Milioni di lettori digitali sono stati venduti in tutto il mondo, specialmente negli Stati Uniti, dove i libri on-line spopolano, tanto che molte pubblicazioni e vendite avvengono oramai solamente tramite internet.

Alcuni dati pubblicati sulle vendite del terzo quadrimestre dimostrano che a oggi si vendono circa il doppio degli eReader rispetto ad un anno fa, raggiungendo quota sei milioni di dispositivi venduti negli USA. Le grandi case editrici investono ancora poco in questa risorsa, mentre i piccoli editori stanno cercando di crearsi uno spazio all’interno di questo ancora piccolo, ma potenzialmente enorme mercato.

In Italia

Vari ebook reader con esempi di testi e grafica

Vari ebook reader con esempi di testi e grafica

A Marzo nel Belpaese erano in circolazione circa 20.000 eReader. Non siamo ai livelli americani, dove avviene l’87% della vendita mondiale di questi apparecchi. Ma considerando il ritardo fisiologico standard sulle nuove tecnologie che soffriamo, non è un fenomeno da sottovalutare. Consideriamo che fino all’anno scorso l’eReader era considerato un dispositivo di nicchia, desiderato solo dai fanatici della tecnologia.

Invece quest’anno le vendite stanno salendo di molto. Per sapere i dati quantitativi bisognerà aspettare che siano finite le vendite per le festività, ma vedendo quanto le aziende stiano pubblicizzando questi prodotti, le potenzialità sono alte.

La AIE (Associazione Italiana Editori) ha reso noto che quest’anno il 6% dei titoli pubblicati in lingua italiana è stato in digitale. I dati arrivano fino alla fine del 2009, il che fa presupporre che nel 2010 siano aumentati di molto. Secondo lo studio sono state  131 le case editrici che hanno in catalogo almeno un ebook. Di queste, 94 sono piccole, cioè hanno un catalogo complessivo di non oltre 16 titoli.
Amazon, intanto, è sbarcata in Italia. La maggior parte dei titoli italiani li vende l’omologo inglese, mentre la parte italiana non ha ancora una sezione dedicata, e si può trovare solo qualche ebook sfogliando la categoria Libri. Alcuni titoli li trovate qui, come pure altri di Feltrinelli, una delle poche grandi case editrici a lanciarsi nel mercato,  insieme a IBS.

Le aspettative saranno realizzate?

Secondo molti teorici del mercato, l’arrivo di una nuova tecnologia in commercio segue il cosiddeto ‘ciclo hype’. Quando esce, vi è meraviglia e si aspetta che arrivino i dispositivi in commercio. In seguito c’è un piccolo boom dovuto alle aspettative. Successivamente i consumi calano drasticamente finché non  vi è una risalita delle vendite, un periodo in cui ci si rende conto in modo realistico delle potenzialità di mercato, se è popolare o di nicchia, e delle sue funzionalità. Infine il ritmo di crescita rimane stabile, basso ma costante.

A pensarci, è ciò che è successo per tanti apparecchi che ora molti di noi hanno: la tv piatta, o al plasma, il lettore mp3, cellulari avanzati o tablet come l’iPhone. Gli eReader, essendo usciti da poco sul mercato, devono ancora costruirsi la loro fetta di mercato.
Le attese per il boom degli ebook e degli eReader sono molte, ma non si sa se saranno realizzate completamente.

Una ricerca di settembre di Simulation Intelligence affermava che ci sarebbe il 17.7% degli italiani in attesa di comprare un eReader o un tablet su cui poter anche leggere un libro. Molti per curiosità e intrattenimento, altri per passione. Dalla ricerca risulta che almeno il 38% degli interessati non acquista libri se non raramente, e sarebbe più invogliato a farlo se in formato digitale.

Per ora i modelli sono sul mercato, e molte nuove uscite editoriali sono pubblicate parallelamente in ebook e libro cartaceo.   Al di là delle speculazioni sull’andamento di mercato, con il vostro eReader in mano potrete tranquillamente leggere, e stare sicuri che quella dell’editoria digitale è una strada forzata, che tutti prima o poi dovranno seguire, anche se non per forza soppiantando quella cartacea. Come tutte le novità, ci vorrà del tempo perché il mercato se ne renda effettivamente conto. Per ora, è sicuramente un buon ragalo per Natale.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto