Il nuovo modo di leggere libri

Rizzoli First Drm-free: la nuova collana di digital First

Rapporti tra cartaceo e digitale si invertono. Arriva negli store online Rizzoli First Drm-free, la nuova collana di digital first. Per la prima volta al mondo un grande editore italiano pubblicherà alcuni libri anzitutto in versione e-book e solo inseguito, eventualmente, in edizione cartacea. Esperienza sorta alla luce del successo riscontrato con la sperimentazione di War horse di Michael Morpurgo, pubblicato da Rizzoli in anteprima digitale già nel 2011.

Rizzoli First si focalizza sui generi di fiction più appropriati all’edizione digitale. E per semplificare l’esperienza utente sarà adottato il sistema DRM free, ovvero gli e-book non presenteranno protezioni digitali invasive. Una vero cambiamento di paradigma nel mercato del libro elettronico italiano.

Sì, perché da una parte abbiamo il DRM (Digital Rights Management), che opera come un filtro digitale applicato dalle case editrici agli e-book per tutelare il diritto d’autore, inibendo copia, stampa e limitando il numero di device su cui può essere letto. Dall’altra abbiamo DRM-free, che permette al software di bypassare l’accesso al controllo usato nel bene digitale protetto dalle leggi sul diritto d’autore. La grande popolarità dei prodotti DRM-free deriva dall’incapacità di eseguire il bene digitale soggetto a DRM su differenti dispositivi. Una esperienza frustrante.

Ma torniamo all’offerta Rizzoli First. Si parte con Giulia Ottaviano, autrice di “L’amore quanto tutto crolla“, romanzo che uscirà in contemporanea anche in inglese, sia negli Usa che in Inghilterra. All’interno di Rizzoli First trova spazio anche il mondo del cinema, il regista Umberto Lenzi, nonché autore di interessanti thriller (i suoi primi tre noir, “Delitti a Cinecittà”, “Terrore ad Harem” e “Morte al Cinevillaggio” sono già usciti per Coniglio, rispettivamente nel 2008, nel 2009 e nel 2010). Lenzi uscirà nella collana di narrativa digital first con una serie di 4 gialli dal titolo “Roma Assassina”.

Alla base di Rizzoli First Drm-free l’idea di sfruttare l’effetto-passaparola online per spingere all’acquisto delle opere anche nell’eventuale edizione cartacea. È la realtà digitale a creare i presupposti per il successo delle altre edizioni. Al momento, tuttavia, l’esperienza è da considerarsi ancora un esperimento, un modo per sondare il mercato. In sostanza Rizzoli First è un ottimo trampolino di lancio per ogni promettente esordiente, che viene messo alla prova prima in versione digitale.

Pensate che questa esperienza posso risultare vincente? Quanto peserà l’assenza dei limiti imposti dal DRM?

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto