Il nuovo modo di leggere libri

La paranza dei bambini – Roberto Saviano

Possiamo definire “La paranza dei bambini“, il primo vero romanzo di Roberto Saviano (Napoli, 1979), autore del bestseller internazionale Gomorra. Se proprio in Gomorra lo scrittore era riuscito a dar vita a un personale genere letterario fra inchiesta giornalistica e fiction, questo libro può essere considerato il suo esordio nella narrativa calata però nella spietata realtà: quella delle città oramai pervase dal potere malavita organizzata.

La paranza dei bambini, edito da Feltrinelli, racconta di dieci ragazzini di quindici anni (Briato’, Tucano, Dentino, Drago’, Lollipop, Pesce Moscio, Stavodicendo, Drone, Biscottino e Cerino) che si muovono tra innocenza e sopraffazione, sfrecciano in scooter contromano alla conquista di Napoli. Ragazzini, figli di famiglie ordinarie, che usano già pistole e kalashnikov, fremono di rabbia ed energia, non credono in un domani, desiderano avere tutto e subito soprattutto vogliono soldi e potere perché non temono né la morte né il carcere.

“Io per diventare bambino c’ho messo dieci anni, per spararti in faccia ci metto un secondo”

La paranza è una barca della pesca a strascico che inganna i pesci con la luce e viene intesa come metafora di morte perché come i pesci, i ragazzini vengono ingannati e vanno a morire pensando di arricchirsi. Questo gergo viene anche utilizzato per indicare proprio gruppi armati allineati alla Camorra e spesso in guerra fra loro per il controllo di strade e quartieri. I nemici e gli alleati di questi ragazzini, sono le altre paranze, guidate da malviventi più anziani.

Una realtà sin troppo cruda e poco nota? Per saperlo, occorre leggere questo romanzo straordinario.

In offerta su Amazon a 2.99 eurowidth=1.

 

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto