Il nuovo modo di leggere libri

Nook Tablet 249$

Nook Tablet

Autore
  • Design
  • Batteria
  • Prestazioni
  • Funzionalità
  • Applicazioni

Esattamente un anno fa, Barnes & Noble ha fatto una mossa interessante che nessun’altra azienda del settore tecnologico aveva il coraggio di fare: ha messo sul mercato il Nook Color per soli  249,99 dollari. Il Color, dispositivo a metà tra un ebook Reader e un tablet, ma retroilluminato con LCD, ha uno schermo da 7 pollici e si è posizionato come alternativa agli e-reader di E Ink.

Il Nook tablet

Il Nook tablet

Tuttavia all’uscita era un po’ più costoso del tradizionale Nook, ma dava la possibilità di toccare lo schermo, godere di pubblicazioni e libri dai colori vivaci, e navigare sul web con un browser basato su Android. Ha avuto un successo piuttosto grande, ma ancor più interessante è che, senza l’assistenza di B&N, il successo del Color è diventato ancora maggiore tra chi va pazzo di tecnologia – molti dei quali lo hanno trasformato in un tablet a basso prezzo caricando diverse applicazioni Android.

Il Nook Tablet è la realizzazione della visione di queste persone. E’  un vero e proprio tablet, tanto che B&N ci ha anche messo il nome. Con un nuovo processore dual-core, 16GB di memoria, un app Store migliorato, e alcune caratteristiche multimediali, Barnes & Noble rappresenta la speranza di chi cerca un’alternativa all’iPad che sia più di un semplice e-reader a colori.

Hardware

Il design del Nook Tablet è praticamente identico al Color, cambiano solo i bordi che passano da neri a un grigio argentato. Non è di per sé un fatto negativo, se l’estetica rimane bella allo sguardo. Nella parte bassa a sinistra c’è una specie di gancio di cui, effettivamente, non si conosce la funzione esterna. Si può ipotizzare che sia per agganciarlo ai pantaloni per portarselo appresso, anche se non farebbe bella figura. Il case è fatto principalmente di plastica, ma in mano è solido, e dà la sensazione di poterlo mettere in borsa o nello zaino senza protezioni.

Grazie alla RAM e al nuovo processore il Tablet è fluido nei video

Grazie alla RAM e al nuovo processore il Tablet è fluido nei video

La differenza rispetto al Color è che il Tablet pesa drasticamente meno, con 400 grammi rispetto ai 450 del Color. Anche il Kindle Fire pesa qualche grammo in più. Tuttavia quest’ultimo è un po’ più sottile e più piccolo. Il Nook Tablet ha una gomma posteriore che lo rende comodo da tenere in mano per lunghi periodi.

Sul bordo destro del dispositivo troverete un controllo del volume, mimetizzato, sul bordo sinistro un pulsante di accensione, mentre sul lato superiore c’è un jack da 3.5 mm per cuffie. Nel bordo inferiore, invece, c’è una porta microUSB per il trasferimento di file. Nella parte bassa dello schermo c’è il classico pulsante con il logo del Nook che manda alla Home del dispositivo. Per ultimo, capovolgendo la tavoletta e tirando il gancio si apre uno slot  per schede microSD, che supporta fino a 32GBdi memoria, addizionali ai 16 già inclusi. Il tablet purtroppo non supporta una fotocamera, ma per il prezzo per cui viene, 250 dollari, qualcosa bisognava pur tagliare.

Lo schermo è di 7 pollici con risoluzione 1024 x 600. Il pannello è lo stesso del Color, ma essendo già efficiente non c’era motivo di cambiarlo. B&N ha installato un trattamento chiamato “VividView”, che serve a ridurre i riflessi e, soprattutto, a rendere lo schermo del tablet visibile da quasi ogni angolazione in maniera eccellente. Il display è più luminoso rispetto a quello del Kindle Fire, e si possono anche vedere le immagini con un’angolazione di 90 gradi. Anche la sensibilità del touch screen è ottima.

Sul retro del tablet si trova un altoparlante, ma l’audio non è granché per la musica. Al massimo volume i suoni sembravano molto bassi e metallici. Mentre quando si prova a testarlo con uno dei libri per bambini, letti a voce alta, il suono è pieno, alto e non troppo ovattato, anche quando si bloccano gli altoparlanti poggiando il tablet in grembo. Tuttavia non sono all’altezza di quelli presenti sull’iPad.

Software

Non è cambiato di molto. Come nel Color il sistema operativo è basato su Android – 2.3 per l’esattezza – ma è stato camuffato molto bene sotto uno strato personalizzato di Barnes & Noble. Tutto ruota intorno alla Home, che è divisa nella schermata principale, dove è possibile riorganizzare le icone, e lo scaffale di libri usati di recente, le applicazioni, etc.

E’ possibile personalizzare molto più che nel Fire, ma non ci sono ancora, a nostro parere, sufficienti opzioni per i widget e collegamenti diretti a pagine Web.

Il Kindle Fire, a sinistra, con il Nook Tablet, a destra

Il Kindle Fire, a sinistra, con il Nook Tablet, a destra

Il tasto fisico Home (con il logo del Nook) ha due funzioni. Toccandolo una volta fa apparire un elenco di collegamenti, tra cui Web, applicazioni, etc. Con due tocchi consecutivi vi porta indietro alla Home se siete dentro un’applicazione. La lista di collegamenti appare un po’ goffa, e il fatto che questo sia l’unico posto per accedere al browser sembra una grave lacuna del sistema operativo. Le applicazioni sono molte, ma è come se non si fosse fatto a sufficiente per renderle conformi al tablet.

Il browser web è simile a quello del Color, ovvero significa che non ci sono le schede, che fanno la differenza su un tablet. Rispetto ad altre tavolette che usano Honeycomb, dunque, è un po’ deludente. Riguardo alle prestazioni, il browser sembra un po’ più veloce del Kindle Fire, ma non è così fluido come l’iPad o il Galaxy Tab. Funziona bene quando si tratta di scorrere le pagine o premere con il dito per zoomare.

L’applicazione per le e-mail è piuttosto spoglia, ma funziona in maniera efficiente, anche grazie al buon uso della tastiera virtuale, disegnata molto bene. In pratica si fanno meno errori di battitura e si può scrivere più velocemente rispetto al Kindle Fire.

L’applicazione per leggere gli ebook è buona, e lo Store di B&N offre più di un milione di libri (in inglese). Inoltre c’è un’opzione per “leggere e registrare” l’audio di un libro per bambini attraverso il microfono e poi riprodurlo in sincrono con il testo. L’edicola dello Store dà accesso a molte riviste e giornali, ma sotto questo aspetto ognuno deve vedere i suoi gusti.

Purtroppo il Nook Tablet ha una carenza importante sui file multimediali, rispetto ad Amazon che offre musica e video istantanei. L’unico modo sul Nook per visualizzarli è caricarli direttamente sopra. Ancora peggio, B&N ha allocato solo 1 GB per i file caricati. Dei 16 GB totali, 3 sono usati per il sistema operativo e 12 per i contenuti esclusivi di B&N. A suo merito, c’è lo slot per schede microSD, che non sono soggette ad alcun tipo di limite di caricamento. Inoltre B&N dovrebbe cominciare a breve un servizio di noleggio film.
Le applicazioni esterne si possono usare, ma devono essere configurate appositamente per questo dispositivo da B&N. Ciò significa che non tutte quelle disponibili sul mercato Android saranno efficienti.

Performance e batteria

Ciò che veramente distingue il Nook Tablet dal Color da 200 dollari sono le specifiche tecniche. Il nuovo processore TI OMAP dual-core e la RAM da 1 GB fanno realmente la differenza in termini di prestazioni. In un test a fronte con il Color, il Tablet riesce a mantenere molte più applicazioni aperte, i menu sono più veloci e la reazione del touch screen è rapida. La visualizzazione di video è fluida, anche se lo schermo non è HD per cui non ci si può aspettare così tanto. Ma la riproduzione di un video a 1080p scorre senza problemi.

Riguardo alla batteria, B&N promette nove ore di utilizzo del tablet solo per la lettura, ma sul campo, con un utilizzo di visualizzazione video e luminosità di circa il 70%, dura all’incirca sette ore. Il Kindle Fire, per esempio, alle stesse condizioni dura un’ora di meno. Tuttavia, utilizzando entrambi i tablet in maniera normale, possono durare fino ad una giornata intera.

Anche se è possibile usare una microUSB, per caricarlo è necessario usare il cavo in dotazione nella confezione – con relativo adattatore per l’uso europeo. Il cavo purtroppo è un pezzo più unico che raro, per cui è necessario tenerlo con cura per evitare di avere un tablet morto.

Argomenti Correlati:

Hai trovato interessanti gli articoli di ebook-reader.it?

Aiuta questo sito a sostenersi, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto